Archivi tag: L’Italia cantata dal basso

Tre giorni di presentazioni de L’Italia Cantata dal Basso in Sicilia dal 18 al 20 novembre

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Appuntamenti, Presentazioni

Il 21 settembre a Roma presentazione de “L’Italia cantata dal basso”


21 settembre 2011, a partire dalle 20 e 30

L’Italia cantata dal basso
Finestre sbieche sul belpaese
Presentazione A ROMA del libro di Pietro Orsatti, E APERITIVO

presso la libreria “Il mattone” via Bresadola, 12/14 (CENTOCELLE)

Partecipano:
Pietro Orsatti (pessimismo e cavatappi)
Sebastiano Gulisano (maestro di cerimonia)
Sonia Ferrarotti (voce narrante)
E ospiti a sorpresa

Il Libro
Racconti, appunti, pezzi di inchieste e reportage. Come pagine di un diario. Per raccontare, attraverso finestre sbieche, il Belpaese. Quest’Italia che non festeggia. Storie di lavoro e di mafie, di mestiere di narratori e di viaggiatori senza meta. Un itinerario contorto che attraversa porti, fabbriche, città, bordelli, terremoti e sogni. Da Palermo a Genova per poi arrivare a Trieste, Roma, Reggio Calabria e Casal Di Principe. Un po’ racconto giornalistico, un po’ racconto e basta. La cronaca disordinata dell’Italia nella fase di massima berlusconizzazione del Paese. Con una particolare attenzione al progressivo svuotamento di valori e qualità del sistema informativo italiano.

L’Italia cantata dal basso Finestre sbieche sul Belpaese
Autore: Orsatti Pietro
Formato
14,5×20,5, pp. 144,
2011 – Coppola Editore –
ISBN 978-88-97073-09-3

Prefazione di Riccardo Orioles
Introduzione di Francesco Saverio Alessio
Postfazione di Salvo Vitale

Lascia un commento

Archiviato in Appuntamenti, Presentazioni

23 maggio, Giovanni Falcone

«Questa sera debbo astenermi rigidamente – e mi dispiace, se deluderò qualcuno di voi – dal riferire circostanze che probabilmente molti di voi si aspettano che io riferisca, a cominciare da quelle che in questi giorni sono arrivate sui giornali e che riguardano i cosiddetti diari di Giovanni Falcone. Per prima cosa ne parlerò all’autorità giudiziaria, poi – se è il caso – ne parlerò in pubblico. Posso dire soltanto, e qui mi fermo affrontando l’argomento, e per evitare che si possano anche su questo punto innestare speculazioni fuorvianti, che questi appunti che sono stati pubblicati dalla stampa, sul Sole 24 Ore dalla giornalista Milella, li avevo letti in vita di Giovanni Falcone. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Novità

L’ITALIA CANTATA DAL BASSO – finestre sbieche sul Belpaese

L’Italia cantata dal basso
finestre sbieche sul Belpaese

IN USCITA IL 20 MAGGIO, formato 14,5 x 20,5 – pp. 144, €uro 12,00
www.coppolaeditore.comlicchia@virgilio.it

Racconti, appunti, pezzi di inchieste e reportage. Come pagine di un diario. Per raccontare, attraverso finestre sbieche, il Belpaese. Quest’Italia che non festeggia. Storie di lavoro e di mafie, di mestiere di narratori e di viaggiatori senza meta. Un itinerario contorto che attraversa porti, fabbriche, città, bordelli, terremoti e sogni. Da Palermo a Genova per poi arrivare a Trieste, Roma, Reggio Calabria e Casal Di Principe. Un po’ racconto giornalistico, un po’ racconto e basta.
La cronaca disordinata dell’Italia nella fase di massima berlusconizzazione del Paese. Con una particolare attenzione al progressivo svuotamento di valori e qualità del sistema informativo italiano. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Novità

Il 27 maggio a Roma “L’Italia cantata dal basso” e “Demoni e sangue”

Roma 27 maggio ore 20
presso il Mario Mieli via Efeso 2/a
(metro S. Paolo)

L’Italia cantata dal basso
finestre sbieche sul Belpaese
di Pietro Orsatti


“Ecco: quelle di Orsatti sono narrazioni. Narrazioni “di cronaca”
(e anche, tecnicamente, di cronaca esatta) ma in cui, oltre la
cronaca ci sono sensazioni di altre cose. C’è un mondo, ti fa
sentire Orsatti quando ha fortuna, che esiste veramente oltre
casa tua, non un mondo da fiction, un mondo vero. Non nasce
come cronista di mafia, per quel che ne so io: qui è stato
a scuola. Eppure, in certi pezzi di mafia, si sente l’atmosfera
di un Besozzi, di una Giuliana Saladino: ti fa attraversare
un mondo in cui il morto di mafia (e anche il vivo di mafia) è
solo la punta di iceberg di tutto un continente”. (Riccardo Orioles)

***

Demoni e sangue
ndrangheta: un potere glocale e invisibile
di Francesco Saverio Alessio

Attento, da sempre, sia alla cronaca sia al fenomeno sociale
e politico della ‘ndrangheta e del malaffare in Italia e nella sua
terra di origine. E ne coglie aspetti inusuali perché per
affrontare il fenomeno ‘ndranghetista il suo approccio è prima
di tutto estetico. E l’estetica di Saverio non è neutra. Non è
rassicurante. Non cerca l’applauso e il benestare dei potenti.
Saverio è così, il vero snob: squattrinato e rigorosamente
indipendente. Se ti deve dire qualcosa te lo dice in faccia,
senza tanti giri di parole. Prendere o lasciare. (Pietro Orsatti)

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Presentazioni

Il 28 maggio a San Cipriano D’Aversa “L’Italia cantata dal basso” e “Demoni e sangue”

28 maggio 2011

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Presentazioni